Ultime…

Queste sono le ultime parole che scrivo a voce su questo blog (e in altri spazi di scrittura).

È venuto per me il momento di dedicare tutto il tempo possibile alla meditazione e alla contemplazione, ciò che ormai sento come la mia via, e lasciarmi così impregnare totalmente dall’Immensità, Energia Vitale e Dolce e Immensa Grazia, a favore degli Altri, vicini o lontani che siano, e dell’Umanità intera, come una cellula che nella sua specificità opera insieme alle altre per il benessere di tutto il corpo.

Oltre che a quelli su questo blog, altri miei scritti ed espressioni si trovano qui:

http://bendabilili.blogspot.com/

http://lepoesiediannibale.blogspot.com/

http://iraccontidiannibale.blogspot.com/

http://ipensieridiannibale.blogspot.com/

https://annibalus.tumblr.com/

https://www.youtube.com/channel/UCRP65_5yVT8bCWmNDs4HPzQ

https://quandodisegnavo.wordpress.com/

https://annibalusclicks.wordpress.com/

https://www.radioecz.it/podcast/?p=archive (dalla più recente alla più datata: Dentro il cuore dei giorni; Poche parole; Dentro il cuore di ogni giorno; A ruota libera…dentro il cuore di ogni giorno; A ruota libera…seduto sul mondo)

Il mio mantra di vita

Dolce e immensa Grazia

Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia

Dolce e immensa Grazia

Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazie
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia

Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazie
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia

Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazie
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazie
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazie
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazia
Dolce e immensa Grazie
Dolce immensa Grazia…

—————

Ho scritto, o meglio, ho trascritto il mio mantra di vita (perché nato dalla vita per la vita) utilizzando come al solito la voce, una riga alla volta, al ritmo del respiro, senza fare correzioni a posteriori. Ho scritto ogni riga come un atto unico e irripetibile, e perciò sacro.
I puntini stanno ad indicare che il mantra continua interiormente, indipendente dalla mia volontà, indipendente dalla mia attenzione, indipendente da ciò che sto facendo.
Se leggerai questo mantra nello stesso modo in cui l’ho scritto, sicuramente l’avremo fatto insieme, perché insieme è possibile solo nel presente, e il presente è assolutamente oltre le categorie di prima e dopo, passato e futuro.

E tutto…

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si calma

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si placa

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si allenta

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si libera

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si semplifica

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si armonizza

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si riordina

Dolce e Immensa Grazia
E tutto si riappacifica

Dolce e Immensa Grazia…

Dolce e Immensa Grazia…

Dolce e Immensa Grazia…

Dolce e Immensa Grazia…

Dolce e Immensa Grazia…

oggetto e fonte…

Quando si accede allo stato di contemplazione (e succede per accoglienza, non per conquista) tutto, che sia piacevole o spiacevole, facile o difficile, semplice o complicato, tutto diventa oggetto e fonte di contemplazione. Anche una grande stanchezza che non impedisce di sentire l’infinito dentro e oltre sé. Anche un microscopico esserino che dà all’umanità (soprattutto a una certa parte) l’opportunità di ripensare la sua presenza sulla Terra.

Tirocinio…

Al supermercato vicino casa mia, ho preso il numero 52 mentre chiamavano il 63 del centinaio precedente al mio…
Recuperiamo il senso del “procacciarci” il cibo, con la pazienza dell’appostamento.
Per noi che non abbiamo vissuto i tempi di guerra e le tessere alimentari, è un bel tirocinio, interiore e materiale…

sms da L.T.

Di che…

Potessi trovare qualcosa da fare, una qualsiasi cosa, disse lagnosa la noia.
Dammi il cambio a battere continuamente ‘sto chiodo, propose speranzosa la routine.
Fare sempre la stessa cosa?! Fossi matta, esclamò esterrefatta la noia.
Allora mi sa che matta ci diventerò io, disse quasi tra sé la routine.
Ma di cosa stanno parlando quelle due, chiese perplesso il respiro.
Ah non lo so, chi mai le capisce, rispose assorto il cuore.

Tutto serve…

Tutto serve. Tutto ha senso. Tutto è accettabile, accoglibile. A patto di essere consapevoli che ogni esperienza può diventare una lezione di vita, per migliorare se stessi, la propria presenza nel mondo e quindi la convivenza e il rispetto di tutto il creato.

Ho bisogno…

Ho bisogno di più tempo per me, disse stiracchiandosi il riposo.
Non puoi chiedere di meglio, sottolineò benevola la stanchezza.
Dovresti approfittarne, suggerì sottovoce l’opportunità.
Già fatto, ribatté con un sorriso complice l’essenzialità.