I’ so’l tempo pazzo
Che faccio quel ch’i’ voglio
Di nuvole e sereno
Di sole pioggia o vento
Qual sia vos’ desiderio
I’ me ne frega un cazzo
Né colpa me n’accollo
Che voi ne deste inizio
Col folle desiderio
Di correre e ricorrere
A sbuffante produzione
Pria il vapore, po’ il carbone
Non bastava via al petrolio
E po’ via a raffinazione
Co’ benzina d’ogni colore
Se siete sordi incampanati voi
Al più basilico rispetto
Della stessa vita vostra
E la salute di ch’amate
I’ mi son fatto sordo
A ciò che voi acclamate
Vole’ la bianca neve?
Vi mando acqua a sfianca
Desiate fresco luglio?
Vi scaldo a sauna turca
Di sete vi morite?
Vi inondo di burrasca!
E ‘n più ne godo assai
De’ vostri belli affanni
Finché non fate cenno
Di scambio a direzione
I’ mi starò qui’n alto
A ghignar coi me’ compari
E seguiremo a far baldoria
Finché schiantate tutti quanti!

25 marzo 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...